Settembre/ottobre

“Permesso”, “scusa”, “grazie”: se in una famiglia si dicono queste tre parole, la famiglia va avanti (Papa Francesco)

È iniziato un nuovo anno insieme…

Nel primo mese di scuola, dedicato soprattutto all’accoglienza, i nuovi arrivati hanno cominciato il percorso, a volte in salita (e tra le lacrime), dell’inserimento nel nuovo ambiente, iniziando a conoscere i compagni e affidandosi a poco a poco alle cure e alle attenzioni delle insegnanti.

Nel frattempo i medi e i grandi hanno ritrovato gli amici dello scorso anno, rinsaldato relazioni e accolto i più piccoli con affetto.

Il motto di questo primo periodo è’ stato: “ognuno di noi è unico e meraviglioso ma insieme siamo un capolavoro”, come tanti fiori, (ognuno con le sue caratteristiche, necessità, potenzialità…), a creare insieme un prato bellissimo.

Nel mese di ottobre, poi, sono iniziate le seguenti attività:

  • Progetto “le quattro stagioni”: attività di osservazione, ascolto, manipolazione, creazione ed elaborazione grafico-pittorica dedicate alla stagione autunnale (i colori, gli alberi, le foglie, i frutti…).
  • Progetto irc “il giardino”: mirato, nella prima unità di apprendimento, alla scoperta da parte dei bambini dei giardini, ossia dei contesti relazionale che li vedono partecipi nella loro vita, soffermandoci in particolare sul contesto scolastico e familiare.
  • Laboratorio di educazione ambientale: svolto dalla maestra nicoletta il lunedì, martedì e mercoledì mattina, in questa prima parte dell’anno con i bambini più grandi e alcuni medi di tutte e tre le sezioni.
  • Attività di educazione fisica: svolta con la maestra nicoletta il giovedì e il venerdì mattina.
  • Corso di musica: tenuto dalla maestra michela ogni martedì mattina, con i grandi e alcuni medi.
  • I bambini grandi hanno iniziato il loro lavoro sul libro di prescrittura, prelettura e precalcolo proposto dalla scuola.

Non dimentichiamo la festa dedicata ai nonni, (i nostri angeli custodi che ci accompagnano ogni giorno, in cielo o in terra), svoltasi sabato 19 ottobre con la santa messa, i canti e l’entusiasmo affettuoso dei nipotini.